Bookmark Delicious dal 8 ottobre fino al 10 ottobre

Questi sono i miei link dal 8 ottobre fino al 10 ottobre:

Twitter modifica il tag title: un miglioramento a livello SEO?

Leggevo poco fa su Techcrunch della modifica apportata da Twitter sul tag title delle pagine degli utenti. Andando a vedere il tag title la struttura è adesso la seguente (prendo ad esempio la mia pagina):

Matteo Campofiorito (matteoca) on Twitter

mentre i precedenza era del tipo:

Twitter / matteoca

Basta inserire nella search box di Google “cache:twitter.com/matteoca” per vedere la versione precedente del tag title. Tutto questo ha implicazioni buone per un certo punto di vista, cattive per un altro.

Leggi tuttoTwitter modifica il tag title: un miglioramento a livello SEO?

Aggiornare Twitter e Facebook con Firestatus e Ubiquity

Ormai se non hai un account Twitter e Facebook non sei nessuno, ma credo che in molti abbiano qualche difficoltà ad aggiornare il proprio stato su entrambi i servizi. Mancanza di originalità, poco tempo a disposizione o soltanto pigrizia possono essere validi motivi per abbandonare gli aggiornamenti costanti su entrambi i servizi.

Ecco perché da buon smanettone (pigro) ho deciso di guardarmi intorno per capire quali potevano essere le soluzioni che avrebbero potuto fare al caso mio e ho trovato due estensioni: Firestatus e Ubiquity.

Leggi tuttoAggiornare Twitter e Facebook con Firestatus e Ubiquity

Yammer, Twitter con una marcia in più per le imprese

Pur non essendo un grande fan di Twitter non potevo resistere dal provare Yammer, uscito vincitore del TechCrunch50. Si tratta di un clone di Twitter indirizzato a società o gruppi di utenti che condividano la stessa mail. Basta avere un dominio e degli utenti con degli indirizzi mail per potersi iscrivere e dar vita a una sorta di Twitter multiautore privato. In pratica si riesce a mettere in piedi un network di utenti costantemente connessi l’uno con l’altro grazie a un sistema di update in tutto e per tutto uguale a Twitter, anche nell’interfaccia.

A disposizione c’è, oltre a un’interfaccia web, anche un client Adobe Air installabile molto simile a Twhirl con cui si possono scrivere e ricevere update da parte degli altri utenti in tempo reale. Inoltre è disponibile anche un client installabile su BlackBerry, su cui non so dire molto, non avendo un terminale con cui provarlo.

Nonostante la creazione di un network Yammer sia completamente gratuita, versando la modica cifra di 1 dollaro al mese per membro del network si accede a dei servizi aggiuntivi che permettono di cancellare contenuti e utenti del network, impostare una lunghezza minima delle password scelte dagli utenti, impostare un range di indirizzi IP autorizzati, impostare un logo personalizzato.

Al momento sto testando al lavoro Yammer, ma ho anche registrato un mio account “@bufferoverflow.it” e devo dire che il servizio è davvero molto utile e facile da usare ed ha un sistema di tagging molto intuitivo (basta anteporre il simbolo “#” a una parola per trasformarla in un tag).